Logo Regione Marche
Voi siete qui:
Prevenzione e riduzione del Randagismo animale

Prevenzione e Riduzione del Randagismo animale:
una questione di equilibrio.

Con Decreto della P.F Veterinaria e Sicurezza Alimentare n 253 del 16 ottobre 2006 la Regione Marche ha approvato il protocollo operativo relativo al Progetto biennale (2006-07) riguardante la prevenzione e lotta al randagismo degli animali d’affezione concedendo alla Provincia di Ancona il contributo di 25.000 euro per la realizzazione della prima fase di un  progetto biennale.
Il programma prevede l’effettuazione del censimento delle colonie feline, la realizzazione di una anagrafe felina informatizzata dedicata, la sterilizzazione dei cani randagi ospitati nei canile e rifugi e dei felini appartenenti alle colonie del territorio comunale e una capillare informazione dei cittadini e degli addetti al settore (Comuni, Zone Territoriali ASUR, Associazioni Animaliste, Forza Pubblica).
Obiettivi del progetto sono la tutela della salute pubblica e dell’ambiente, la corretta convivenza tra animale ed uomo, la conservazione degli ecosistemi e degli equilibri ecologici che interessano le popolazioni animali, il controllo delle popolazioni feline e censimento georeferenziato delle stesse, l’incentivazione del controllo delle nascite mediante sterilizzazione chirurgica  dei soggetti appartenenti alle colonie feline e dei cani di proprietà dei Comuni.
L’Assessorato alla Tutela degli Animali da Affezione e Prevenzione del Randagismo della Provincia di Ancona, nella persona dell’Assessore Stefano Gatto, da tempo sempre sensibile al problema, è il fulcro del progetto, dettando gli aspetti operativi da attuare sul territorio, secondo particolari definiti in sinergia con i Servizi Sanità Animale delle singole Zone Territoriali ASUR e le Associazioni Animaliste.
Per il coordinamento delle attività da svolgere in tutto l’ambito provinciale è stato nominato dalla Provincia il dott. Roberto Giordani, Direttore del Servizio Sanità Animale della Zona Territoriale 7 Ancona A.S.U.R. Marche.
L’identificazione delle colonie feline è effettuata dai Servizi Sanità Animale delle Zone Territoriali ASUR in stretta collaborazione con i Comuni e le Associazioni Animaliste iscritte all’Albo regionale, l’Ente Nazionale Protezione Animali e le Guardie Zoofile.
Allo scopo di prevenire e limitare inconvenienti di carattere sanitario sul territorio, i gatti che vivono in libertà saranno sottoposti ad opportuni interventi di sterilizzazione e cure necessarie ad eliminare eventuali zoonosi presenti. I gatti, identificati e sterilizzati dai Servizi Sanità delle Zone Territoriali ASUR, saranno reimmessi nelle colonie di appartenenza.
Di fondamentale importanza sono gli eventi formativi ed informativi rivolti alla popolazione, alle scuole ed agli operatori del settore svolti da professionisti esperti del settore appartenenti ai Servizi Sanità Animale delle Z.T. ASUR, alle Associazioni Animaliste ed ai Comuni. In questi incontri  verranno trattati argomenti di grande interesse a carattere sanitario, legale, etologico ed ecologico;  sarà rivolta una particolare attenzione  al raggiungimento ed al mantenimento del giusto equilibrio uomo animale ambiente approfondendo l’affascinante mondo del comportamentalismo animale, utile a creare una nuova coscienza  nell’uomo volta al rispetto dei nostri amici a quattro zampe.





' '